Mercedes-Benz Concept GLA

Mercedes-Benz Concept GLA

Basta con la solita routine

Con il Concept GLA, Mercedes-Benz presenta al “Salone dell’automobile di Shangai” (21 – 29 aprile 2013) un nuovo SUV di categoria superiore. Il Concept GLA coniuga un design dinamico con la grande versatilità di un’auto per il tempo libero. Sotto il cofano di questa concept car (lunghezza/larghezza/altezza: 4383/1978/1579 mm) è alloggiato un quattro cilindri turbo a benzina da 1.991 cm3 e 155 kW (211 CV), che trasferisce la sua potenza alla strada grazie all’ausilio del cambio automatico a doppia frizione 7G-DCT e della trazione integrale 4MATIC. Una novità assoluta: i fari con tecnologia laser, che oltre ad illuminare la carreggiata, hanno anche la funzione di proiettori di immagini.

 Con il Concept GLA inauguriamo una nuova strada nel segmento dei SUV: l’evoluzione sportiva in stile coupé di questa categoria di automobili”, ha dichiarato Joachim Schmidt, membro della Direzione di Mercedes-Benz Cars e Responsabile della Divisione Vendite e Marketing. “Si tratta, infatti, di un SUV che coniuga un’indole sportiva con la versatilità e robustezza di una vettura per il tempo libero. Basta con la solita routine! è la promessa che quest’auto fa al suo guidatore. Allo stesso tempo, evidenzia le infinite potenziali della nostra architettura compatta, i cui modelli Classe A e Classe B hanno conquistato nel primo trimestre 2013 la leadership del mercato tedesco nei relativi segmenti.”

Il design degli esterni: sapiente alternanza di citazioni SUV

410126_4572_xl_2013-mercedes-benz-gla-53410122_9246_xl_2013-mercedes-benz-gla-33

Questa nuova concept car mostra la forza innovatrice dei suoi designer con una serie di caratteristiche incisive. Tra queste figurano il possente cofano motore con curvature ellittiche e la mascherina sportiva del radiatore, con la Stella centrale racchiusa in una nuova cornice che confluisce armonicamente in due listelli laterali. Nuovi anche i softcube: tasselli cubici dagli spigoli leggermente smussati che definiscono la struttura della mascherina del radiatore e si ritrovano anche nei sottoporta e i terminali di scarico.

I caratteristici specchi retrovisori esterni, montati su due sostegni e protetti da una griglia, sottolinenano lo stile SUV, così come la protezione antincastro anteriore. Il Concept GLA colpisce anche per la vernice ALU-BEAM argento opaco della sua carrozzeria.

Il Concept GLA incarna forza e superiorità anche nella vista laterale: la “dropping line” si estende dal faro anteriore fino al passaruota posteriore, esprimendo pienamente la filosofia di design di questa vettura. La modanatura sulla linea di cintura presenta uno sviluppo ascendente dalla porta posteriore verso il montante posteriore. Insieme all’effetto luminoso lungo la curvatura e alla linea che all’altezza dei sottoporta sale verso la dropping line discendente, si produce sulla fiancata un originale gioco di linee che conferisce alla vettura un profilo filante e dinamico. Le maniglie affusolate, completamente incassate nella carrozzeria di questa cinque porte, fuoriescono appena si preme un pulsante. I cristalli laterali senza cornice sottolineano il carattere coupé della concept car.

I cerchi da 20″, dall’incisivo design a cinque razze a turbina asimmetrica, montano pneumatici 255/45 R 20, progettati appositamente per il Concept GLA. Il battistrada riprende, infatti, le linee dei cerchi prolungandone il motivo decorativo.

Sul retrotreno, le spalle larghe sono poste in evidenza dal profilo rientrante del montante posteriore. La loro naturale prosecuzione nei gruppi ottici posteriori sottolinea la larghezza della coda. Il design esprime forza e decisione, senza essere aggressivo. Quest’impressione è rafforzata anche dal lunotto convesso e dalla linea arcuata della modanatura cromata tra i due gruppi ottici posteriori. Attira l’attenzione anche il grosso spoiler sul tetto, che riprende magistralmente la struttura della pannellatura del tetto e alloggia la terza luce di stop.

Lungo il rivestimento del paraurti posteriore spiccano altre citazioni tipiche di un SUV, come la protezione del bordo di carico e la protezione antincastro, mentre l’impianto di scarico a doppio terminale attesta l’ambizione sportiva.

Il portellone posteriore dispone di un sistema di chiusura servoassistita e quindi si chiude e si apre elettricamente. I gruppi ottici posteriori integrali si sollevano con il portellone, che alzandosi rende visibili le luci supplementari che hanno la funzione di segnalare la vettura ai veicoli che sopraggiungono quando il bagagliaio è aperto. Altri dispositivi di illuminazione sono alloggiati nella traversa posteriore, sopra il roof rail.

Gli interni: perfezione artigianale

410126_1756_xl_2013-mercedes-benz-gla-35410122_2515_xl_2013-mercedes-benz-gla-62

Gli interni sono in linea con lo stile delle nuove compatte Mercedes-Benz, che è stato tuttavia reinterpretato per dare vita all’abitacolo di un SUV moderno ed estremamente elegante. Dominano i rivestimenti in pelle e le superfici in alluminio scuro galvanizzato, in seducenti contrasti tra loro. I quattro sedili singoli e i pannelli centrali delle porte sono rivestiti in robusta pelle marrone che richiama l’immagine di una sella, per colore e lavorazione. Nel Concept GLA si possono, infatti, ammirare più di 20 metri di cuciture fatte a mano che tengono unite i lembi dei rivestimenti in pelle. L’analogia con la selleria è richiamata anche dai motivi impressi sui piani di seduta in pelle, che presentano al centro pregiati inserti in tela. I poggiatesta integrati dei quattro sedili sportivi sono tutti impreziositi da una modanatura illuminata, inserita nella parte aperta del poggiatesta.

Il retro dei sedili anteriori è rivestito, come altre parti della vettura, in pelle grigia con una particolare granulatura che prosegue il gioco degli elementi grafici che si staccano dalla superficie. I braccioli e i rivestimenti dei pannelli centrali delle porte presentano una struttura a vista.

La plancia portastrumenti è realizzata in più strati. Sulla superficie rivestita in pelle poggia una struttura portante in alluminio lucido e opaco che sostiene anche tutti gli strumenti. Le viti sono a vista e presentano un design appositamente studiato, mentre una copertura in plexiglas le protegge dalla polvere. La retroilluminazione accentua l’impressione che i vari piani di cui si compone la plancia siano sospesi in aria. I tasti di comando del COMAND Online sono il risultato di una grande precisione tecnica. Il retro della loro superficie in plexiglas è verniciato di nero e anche i pittogrammi si trovano sul lato posteriore, ricavati per incisione e successivo riempimento dei solchi.

Le bocchette di ventilazione nella plancia portastrumenti e nel vano posteriore sono un’evoluzione stilistica e, come per il Concept A-CLASS e il Concept Style Coupé, sono provviste di un sistema di retroilluminazione che cambia colore a seconda della temperatura selezionata dagli occupanti per la climatizzazione dell’abitacolo. La luce è bianca a 22°C, diventa blu se si seleziona una temperatura inferiore e passa al rosso quando viene richiesta aria calda.

Nel bagagliaio, le luci soffuse ambient a fibra ottica si presentano esteticamente come la continuazione della lunga consolle centrale, che dalla plancia portastrumenti si estende fino ai sedili posteriori. La superficie piana del vano bagagli è sottolineata dalle sagome rettangolari disegnate dai listelli lucidi inseriti nel pianale di carico. La fibbia della cintura a quattro punti con molla di precarico, presa in prestito dagli elicotteri, permette di fissare saldamente i bagagli, mentre una maniglia consente di ribaltare in avanti gli schienali dei sedili sportivi posteriori per creare una superficie di carico piana.

Luce laser: fari innovativi che proiettano luce e immagini

410126_1961_xl_2013-mercedes-benz-gla-211

Inizia lo spettacolo! Entrambi i fari anteriori del Concept GLA sono muniti di un proiettore laser. Questi due proiettori non assolvono soltanto la funzione di luci di marcia, ma possono anche proiettare immagini e filmati su uno schermo o una superficie. Sono supportati tutti i formati compatibili con il COMAND Online, quindi immagini e filmati memorizzati su uno smartphone, scaricati da Internet o salvati sul disco fisso.

In alternativa, è possibile produrre uno spettacolo dal vivo, perché il Concept GLA dispone di due videocamere HD alloggiate sul roof rail nella parte anteriore del tetto. E queste non consentono soltanto di effettuare riprese tridimensionali durante la marcia a bordo del Concept GLA, ma possono anche essere rimosse e fissate, ad esempio, sopra un casco per mountain bike. Un faro supplementare per ciascuna videocamera assicura una buona illuminazione in tutte le situazioni. I filmati possono essere proiettati all’esterno o, in alternativa, essere riprodotti all’interno della vettura, sullo schermo del COMAND Online.

I proiettori laser sono più di un esercizio di stile dei tecnici e dei designer Mercedes-Benz. Come evoluzione dello Head-Up Display potrebbero infatti garantire maggiore sicurezza sulla strada. Con questa tecnologia si potrebbero per esempio proiettare sul piano stradale le frecce delle istruzioni di svolta del sistema di navigazione, segnalando così anche agli altri utenti della strada la direzione che il guidatore si accinge a prendere.

I fari: tecnologia laser e LED

410126_3500_xl_2013-mercedes-benz-gla-411410126_6029_xl_2013-mercedes-benz-gla-23

Illuminati da una brillante luce azzurrina, i fari del Concept GLA non sono interessanti soltanto per via dei proiettori laser o dei ventilatori rotanti a vista che li raffreddano. Infatti, selezionando la funzione “coming-home” la luce azzurra si accende e si spegne ritmicamente, per segnalare che la vettura è in attesa del suo guidatore.

Mentre per le luci di marcia si è utilizzato per la prima volta un laser deviato da una lente a specchio, per le luci diurne nella caratteristica forma a fiaccola

e per gli indicatori di direzione sono stati adottati i LED. Gli indicatori di direzione sono realizzati sotto forma di luce sequenziale digitale e rappresentano pertanto un’evoluzione dell’effetto “Ola” che sul Concept
Style Coupé era stato ottenuto con una struttura meccanica.